Tanta tenacia e determinazione nella vittoria 1- 0 della Pistoiese sul Monza.

03.09.2017

Ferrari
Ferrari

di Graziano Breschi

Non c'è che dire il 3 settembre è una data che porta bene alla Pistoiese. Come citava ieri il nostro direttore, nell'articolo di presentazione  in tale data infatti  (3/9/2000 serie B) gli arancioni allenati da Pillon (con Allegri e Barzagli in panchina) esordirono in campionato vincendo (2-0) a Empoli allenato da Silvio Baldini , mentre sempre all'esordio il 3/9/2006 la Pistoiese di Tedino sconfisse (1-0) la Pro Patria al comunale. E a conferma del famoso proverbio "non c'è due senza tre" è arrivata la vittoria contro i biancorossi del Monza. Non è stata una vittoria facile, e questo  potevamo pure aspettarcelo, ma comunque costruita con tanta applicazione e tencia, due armi che aiutano molto a raggiungere qualsiasi obiettivo. Fra l'altro il Monza era reduce da una bella vittoria interna con il Piacenza e si presentava come compagine assai compatta. Per scardinare l'assetto avversario Indiani ha pensato di affidarsi ad un 3-5-2, lo schema che la condizione  attuale e l'assenza di tanti futuribili titolari, gli consente al momento. Visto che Papini ha  nelle gambe 10/15 minuti di autonomia, il mister dà fiducia al piccolo Tartaglione, classe '98 che disputa un onesto primo tempo al suo debutto assoluto in serie C. In difesa conferma per il giovane Quaranta ed esordio dell'ex Como Nossa, piuttosto svagato nelle chiusure, accanto a capitan Priola dirottato da Indiani sulle tracce dell'uomo più insidioso dei brianzoli, D'Errico, calciatore a tutto campo.  Regoli ma soprattutto Mulas a viaggiare sulle fasce. Davanti a sgomitare e conquistare tanti palloni un gigantesco Ferrari in verità poco assistito da uno spento Surraco. Proprio il puntero argentino è stato l'uomo partita, e non solo per il rigore realizzato, ma per essere stato la vera spina nel fianco della difesa biancorossa. Un palo a portiere battuto, un colpo di tacco alla "Bettega" con parata in extremis di Liverani e un salvataggio di un difensore sulla linea sono state le sue altre prodezze. Certamente non è stato una bel match, ma anzi come l'ha definita il mister dei brianzoli Zaffaroni, una "partita sporca". Il Monza specialmente nel primo tempo è stato spesso in undici dietro la linea della palla, e questo non ha facilitato la manovra dei padroni di casa. Nel secondo tempo i brianzoli alla caccia del pareggio si sono portati in avanti e nel giro di cinque minuti, 6' e 11', hanno avuto a disposizione due grosse occasioni per riagguantare il pareggio, ma in entrambe le circostanze Palazzo ha malamente fallito. Vista la malaparata, Indiani ha tolto Tartaglione inserendo Luperini ed il ragazzo, entrato immediatamente in partita, ha recuperato tanti palloni, aumentando il filtro a centrocampo. Gli affannosi attacchi finali del Monza, corretto da Zaffaroni con ben cinque cambi,  non hanno prodotto alcun che e certamente l'espulsione di Sacha Cori per una brutta gomitata a Nossa ha ulteriormente complicato la possibilità di prendere punti al Marcello Melani. Ora venerdì gli arancioni sono attesi ad una difficile trasferta ad Arezzo, sarà un test certamente più difficile di quello odierno e che darà indicazioni più precise su quello che potrà essere il campionato degli uomini di Indiani.

U.S. PISTOIESE 1921 (3-5 -2): Zaccagno, Surraco (dal 19' s.t. Zappa) , Priola, Tartaglione(dall'11 s.t. Luperini) , Ferrari, Regoli, Quaranta, Mulas, Hamlili, Nossa, Minardi (dal 33' s.t. Papini) A disposizione : Biagini, Rossini, Eleuteri, Vrioni, Boggian, Zappa, Zullo, Luperini,. All.: Indiani

S.S.MONZA 1912 (4-4-2) : Liverani, Carissoni, Riva, Guidetti(dal 28' s.t. Palesi) , Cori, D'Errico(dal 28' s.t. Ponsat) , Palazzo(dal 17' s.t. Barzotti) , Caverzasi, Perini(dal 17' s.t. Galli) , Tentardini, Giudici(dal 38' s.t. Gasparri) . A disposizione: Del Frate, Origlio, Galli, Palesi, Gasparri, Negro, Cogliati, Ponsat, Romanò, Adorni, Barzotti. All.: Zaffaroni

Arbitro: Giampiero Miele di Nola - Assistenti: S. Montagnani di Salerno e M.M. Carpi di Orvieto

Marcatori: 45' + 1 Ferrari (R)
Note: Cielo parzialmente coperto, terreno gibboso; ammoniti: Nossa e Luperini; Espulso Cori. Angoli 5 a 5; Recupero 1e 5; spettatori 1070 di cui 32 provenienti da Monza